NEWSLETTER LUGLIO 
2014

APPROVATO IL BILANCIO 2013 NELL'ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 2 LUGLIO 2014

Ampliamento della base sociale (+10% di iscritti rispetto al 2012), intersettorialità (non solo industria, ma anche turismo, commercio e apertura al settore primario), consolidamento e caratterizzazione professionale della struttura interna, nuovi strumenti operativi (tranched cover, social housing, sistemi di finanziamento alternativi, operazioni di cogaranzia in pool), valorizzazione delle convenzioni esistenti con gli istituti di credito e stipula di nuove convenzioni con Unipol; BNP Paribas Leasing Solutions; Unicredit Leasing e Artigiancassa: questi alcuni dei risultati illustrati nell’Assemblea del Confidi Sardegna che si è svolta il 2 luglio a Cagliari e che ha approvato il bilancio relativo al 2013. Anno che ha visto ancora una volta il Confidi Sardegna impegnato al fianco degli oltre 2000 Soci, imprese e liberi professionisti, per dare segnali in controtendenza rispetto ad un momento congiunturale sempre difficile. Segnali forti e tangibili: a fronte di una flessione dell’erogazione del credito alle imprese in Sardegna pari al 4% circa, il Confidi Sardegna ha incrementato dell’8% il volume delle garanzie rilasciate nel 2013, senza mai fermarsi di fronte alla possibilità di supportare i progetti e le iniziative ritenute valide e affiancando le proprie imprese anche nelle operazioni di rinegoziazione e consolidamento delle esposizioni preesistenti.
Il presidente Gavino Sechi ha spiegato ai soci intervenuti che Il Confidi ha compiuto la scelta precisa di non tirarsi indietro rispetto al ruolo di partner delle imprese, rendendosi sempre disponibile a valutare le iniziative dei Soci, a supportarli, ricercando nuovi strumenti di sostegno, anche alternativi al credito bancario, come i minibond e le cambiali finanziarie e facendosi promotore di importanti accordi, come quello relativo alla tranched cover Unicredit che garantisce al sistema imprenditoriale isolano nuova finanza per complessivi 30 milioni di euro.
Nell’assicurare il proprio supporto alle imprese sarde Il Confidi Sardegna ha, comunque, compiuto la scelta precisa di garantire il rigido rispetto della normativa imposta dalla Banca d’Italia ai Confidi vigilati, procedendo con rigore agli accantonamenti prudenziali sulle posizioni deteriorate che, in linea con il difficile momento, risultano in aumento rispetto all’anno precedente. Il risultato economico negativo conseguito risulta, pertanto, direttamente influenzato da tali rilevanti accantonamenti prudenziali e dalla impossibilità, visto il vigente quadro normativo regionale, nazionale e comunitario, di computare i contributi pubblici di competenza stanziati dalla RAS, a deconto degli accantonamenti stanziati sulle garanzie già concesse.
In ogni caso, gli oltre 25 milioni di euro di mezzi patrimoniali per la concessione di garanzie e la grande serietà e professionalità dimostrata nella fase di valutazione del rischio continuano a rendere il Confidi Sardegna un interlocutore privilegiato degli istituti di credito e un punto di riferimento per il sistema produttivo isolano, con una solidità patrimoniale che rappresenta un’eccellenza nel panorama dei consorzi fidi, non solo a livello regionale, ma anche nazionale.

torna all'elenco delle notizie


Confidi Sardegna S.c.p.a | p.iva/c.f 00506150929 | CCIAA Cagliari 85513 | Reg. Imprese Cagliari 00506150929
Albo Società Cooperative A106177 | Elenco Generale Intermediari Finanziari N°27245 | Iscritto Elenco Speciale ex art 107 TUB N°19527.1
09125 Cagliari - piazza Deffenu,9 | tel 070.67122 (4 linee r.a.) | fax 070.668283 | e-mail info@confidisardegna.it | www.confidisardegna.it